Il massaggio è una tecnica di manipolazione dalle origini molto antiche. I primissimi medici già lo utilizzavano per curare traumi, stanchezza e alcune malattie. Oggi è considerato una terapia dolce e può aiutare a migliorare il benessere psicologico e fisico, in quanto rilassa sia corpo che mente.

Esistono numerosi tipi di massaggio, ad esempio l’estetico, lo sportivo/decontratturante, il rilassante, l’ayurvedico e molti altri. Il suo campo di applicazione è davvero molto vasto e può sembrare adatto a tutti, ma attenzione alle controindicazioni: ferite aperte e traumi recenti, insufficienza cardiaca, gravi disturbi circolatori, neoplasie, infezioni della pelle.

I benefici, come già anticipato, si avvertono a livello psicofisico: il massaggio scioglie le tensioni muscolari delle zone maggiormente contratte, cioè schiena, collo e arti, rilassa a 360 gradi, allontana i dolori legati alla stanchezza, previene i sintomi di ansia e stress, promuove una sensazione di benessere generale, favorisce l’ossigenazione di pelle e tessuti, stimola la circolazione, depura dalle tossine, drena ed elimina il gonfiore.

Durante la manipolazione piccoli accorgimenti possono aumentare la resa del trattamento. Un sottofondo musicale che crei un ambiente calmo e tranquillo, luce soffusa e giusta temperatura aiutano a distendere la mente, ad allontanare tutti i pensieri e rendono il massaggio un vero e proprio rito. L’uso di olio tiepido con specifici oli essenziali completa la terapia.

Foto | Unique Hotels su Flickr